Museo dell’orologeria di Pesariis

musei | architettura | chiese e arte sacra

In un edificio storico e di pregio, il Palazzo della Pesa,
oggi si percepisce lo scorrere del tempo restandone affascinati.

La presenza di abili fabbri, il brulicare di merci, uomini, idee e conoscenze in quella che, durante la Repubblica Veneta, era zona di confine, i contatti con altri paesi europei dove l’arte orologiaia era presente sono sicuramente elementi che hanno contribuito allo sviluppo di questa produzione in Val Pesarina a partire dalla fine del 1600.
L’orologio domestico, da parete, realizzato in ferro, mosso da pesi ovoidali legati a corde di canapa con pendolo corto oscillante davanti al quadrante è il primo frutto che nasce dalle sapienti mani degli artigiani locali.
Successivamente un mercato ampio e solido è stato assicurato dagli orologi da torre realizzati dalle famiglie Capellari, Solari e Machin. In questo contesto si inserisce la storia della famiglia Solari che ha trasformato una produzione meramente artigianale in quella proto industriale prima e industriale poi con prodotti di qualità, affidabili e di lunga durata.
Cambiano i tempi e anche i materiali. Verso la metà del 1800 il ferro viene sostituito dalla ghisa, per il telaio, e dall’ottone per gli ingranaggi torniti e fresati con macchinari visibili al termine del percorso espositivo.

Intorno al 1930 la carica avviene attraverso un motore elettrico applicato all’orologio da torre.
Nello stesso periodo la mente geniale di Remigio Solari dà vita a un modo completamente rivoluzionario di proporre l’ora. Scompaiono le lancette e ore e minuti vengono stampati su palette rotanti che si girano come le pagine di un libro. Nasce l’orologio a scatto di cifre o a lettura diretta che trova il suo completamento nel calendario e nei teleindicatori, con palette a caduta, presenti in tutti gli aeroporti e stazioni ferroviarie del mondo.
Negli anni cinquanta per assecondare un “mercato del lavoro” in espansione iniziano nuove linee di produzione con i marcatempo e i timbra cartellino di cui si ammirano evoluzione e design nella collezione del museo.
In spazi dedicati e nelle sale vengono proposte mostre temporanee che arricchiscono il tema del tempo.
Il Museo dell’Orologeria di Pesariis aderisce alla rete museale Carnia Musei che organizza e propone i laboratori didattici per le scuole (www.carniamusei.org).

Orari di apertura
Per essere sempre aggiornati sugli orari di apertura vi invitiamo a consultare il sito www.comune.prato-carnico.ud.it

In qualsiasi periodo dell’anno è possibile prenotare la visita guidata per gruppi di almeno 8 persone telefonando allo +39.0433.69034 (int. 2) o mandando una mail ad anagrafe@comune.prato-carnico.ud.it

Indirizzo

Frazione Pesariis, 68
Prato Carnico (UD)

Biglietto di ingresso
  • Tariffa intera 3,00 €
  • Tariffa ridotta 1.50 €

Visita guidata al museo e al percorso monumentale
(gruppi di almeno 8 persone)

  • Tariffa intera 4,00 €
  • Tariffa ridotta 2,00 €

Riduzioni: ragazzi dai 7 ai 18 anni compiuti, titolari di CartaGiovani.

Gratuità: 1 biglietto ogni 10, bambini fino a 6 anni compiuti, scolaresche fino alla scuola secondaria di I grado, portatori handicap e accompagnatori, gruppi strutture residenziali per anziani, possessori di FVGcard.

Acquista il biglietto online a questo link

Video