Le proprità collettive, il caso di Pesariis

arte e cultura | storia e tradizioni

Le proprietà collettive sono antichissime forme di governo che prevedono che sia la comunità a gestire il proprio territorio e a godere dei profitti derivanti dal suo utilizzo. 

La frazione di Pesariis ha esercitato la gestione autonoma di un esteso territorio a partire dalla fine del XIII secolo, passando attraverso il dominio della Repubblica di Venezia, il Regime Napoleonico e l’Impero Austroungarico. Risalgono infatti al periodo tra il 1250 e il 1275 i più rilevanti privilegi concessi dal Patriarcato di Aquileia a numerosi comuni della Carnia, tra cui Pesariis. Le concessioni sono durate anche sotto il dominio della Serenissima. Nel territorio di Pesariis c’erano quattro “boschi delli remi” per i bisogni dell’arsenale di Venezia, gli altri rimanevano in godimento ai locali. 

Nel 1896 e nel 1899 Re Umberto I ha emesso i decreti regi che hanno sancito l’autonomia della frazione dal Comune di Prato Carnico. Quest’ultimo però si è opposto contro il riconoscimento dell’appartenenza alla frazione di tutti i beni registrati nel catasto del 1606. La causa, che è durata quasi trent’anni, ha trovato un punto di arrivo nel 1925 quando la Corte di Appello di Venezia ha confermato la sentenza del Tribunale di Tolmezzo giudicando “essere di spettanza esclusiva della frazione di Pesariis tutti quei beni comunali esistenti nel suo territorio e cioè quelli che stanno nella vallata del Pesarina a monte del Rio Fuina e Salengians”. 

Nel 1927, con legge nazionale n. 1766, i diritti civici vengono riportati alla loro natura originaria soggetti alle regole del diritto pubblico e quindi regolati e tutelati dallo stato.

Ciò nonostante Pesariis ha dovuto aspettare il 28 dicembre 1932 quando le parti contendenti hanno firmato una conciliazione con la quale si dichiarano “del tutto definite le esistenti controversie di promiscuità di uso e godimento dei beni frazionali”.

Attualmente le attività dell’Amministrazione sono rivolte alla gestione del patrimonio boschivo, 1600 ettari di terreno di cui 800 di bosco di produzione sostenibile certificata PEFC, immobiliare e nell’attività di tutela dei diritti dei frazionisti.

Esempio concreto di questo è la gestione con proprio personale del punto vendita del paese che non ha solo una valenza commerciale ma è considerato come un servizio di prossimità.

Per approfondire gli aspetti storici e contemporanei dei beni civici di Pesariis date un’occhiata al sito www.pesariis.it.

Indirizzo

Amministrazione Beni Civici di Pesariis
Frazione Pesariis, 91
33020, Prato Carnico (Ud)
Tel. 0433 69265
pesariis@pesariis.it