Il prato carnico in tavola
Jerbas di Cjanàl

Prato Carnico, 2008
Istituto comprensivo di Comeglias (Ud)
Scuola Primaria a tempo pieno di Prato Carnico

Descrizione

La pubblicazione nasce dall’unione di due lavori, i calendari 2007 e 2008 sulle erbe della Val Pesarina, portati avanti dagli alunni della Scuola Primaria a tempo pieno di Prato Carnico guidati dalle loro insegnanti. Così l’aula si è trasferita all’aperto e le piante sono diventate un interessante oggetto di studio da esplorare, osservare, toccare, annusare, confrontare, scegliere e raccogliere. Il supporto offerto dai testi, da alcuni esperti e i preziosi suggerimenti di nonni e genitori hanno permesso di affrontare in modo sistematico un viaggio sul ricco patrimonio naturale presente nei prati della vallata valorizzando la parlata locale “il cjanalot”.

Orias cui vôi dai fruts
Orias con gli occhi dei bambini

Istituto comprensivo di Comeglias (Ud)
Scuola Primaria a tempo pieno di Prato Carnico

Descrizione

Alcuni anni orsono gli alunni della Scuola Primaria di Prato Carnico hanno voluto conoscere meglio questo borgo, da qui è nata la pubblicazione “Orias cui vôi dai fruts” (Orias con gli occhi dei bambini). Con la loro semplicità e immaginazione i bambini hanno raccontato la struttura del borgo (clicca qui per la scheda di Orias), il trascorrere delle giornate in Orias, descritto gli attrezzi usati per lavorare nei campi, nei prati e nella stalla senza dimenticare di immaginare un futuro per questo luogo.
L’ultima sezione è dedicata al vocabolario illustrato italiano – cjanalot (carnico della Val Pesarina) di attrezzi e oggetti legati alla vita contadina.

Descrizione

La pubblicazione nasce dall’unione di due lavori, i calendari 2007 e 2008 sulle erbe della Val Pesarina, portati avanti dagli alunni della Scuola Primaria a tempo pieno di Prato Carnico guidati dalle loro insegnanti. Così l’aula si è trasferita all’aperto e le piante sono diventate un interessante oggetto di studio da esplorare, osservare, toccare, annusare, confrontare, scegliere e raccogliere. Il supporto offerto dai testi, da alcuni esperti e i preziosi suggerimenti di nonni e genitori hanno permesso di affrontare in modo sistematico un viaggio sul ricco patrimonio naturale presente nei prati della vallata valorizzando la parlata locale “il cjanalot”.

Descrizione

Alcuni anni orsono gli alunni della Scuola Primaria di Prato Carnico hanno voluto conoscere meglio questo borgo, da qui è nata la pubblicazione “Orias cui vôi dai fruts” (Orias con gli occhi dei bambini). Con la loro semplicità e immaginazione i bambini hanno raccontato la struttura del borgo (clicca qui per la scheda di Orias), il trascorrere delle giornate in Orias, descritto gli attrezzi usati per lavorare nei campi, nei prati e nella stalla senza dimenticare di immaginare un futuro per questo luogo.
L’ultima sezione è dedicata al vocabolario illustrato italiano – cjanalot (carnico della Val Pesarina) di attrezzi e oggetti legati alla vita contadina.

Il tempo di Solari
Mario Robiony, Frediano Bof

Udine, Forum, 2014
Storia di una multinazionale tascabile dalla crisi al successo
degli ultimi vent’anni

Descrizione

L’opera racconta le vicissitudini della storica ditta produttrice di orologi “Solari” dalle origini a Pesariis nel XVIII secolo fino ai primi anni del 2000. Momenti difficili, successi, innovazioni, cambi di proprietà e proiezione verso il futuro rappresentano le diverse fasi di una storia che continua fino ai giorni nostri.

Vores tornâ
Sandro Naiaretti

2016

Descrizione

Questa semplice pubblicazione raccoglie alcune delle poesie scritte da don Sandro Naiaretti (link a pagina Quatri pas cun Sandro) e vede la luce nel trentesimo del sacerdozio, avvenuto nel 1986 a Cividale, e nel decimo del suo precoce ed inaspettato addio. Il libro vuole essere un omaggio a valori variamente condivisi ma certamente fondanti. L’opinabile scelta prova ad offrire un campionario delle tante sfaccettature della vita. 

Descrizione

L’opera racconta le vicissitudini della storica ditta produttrice di orologi “Solari” dalle origini a Pesariis nel XVIII secolo fino ai primi anni del 2000. Momenti difficili, successi, innovazioni, cambi di proprietà e proiezione verso il futuro rappresentano le diverse fasi di una storia che continua fino ai giorni nostri.

Descrizione

Questa semplice pubblicazione raccoglie alcune delle poesie scritte da don Sandro Naiaretti (link a pagina Quatri pas cun Sandro) e vede la luce nel trentesimo del sacerdozio, avvenuto nel 1986 a Cividale, e nel decimo del suo precoce ed inaspettato addio. Il libro vuole essere un omaggio a valori variamente condivisi ma certamente fondanti. L’opinabile scelta prova ad offrire un campionario delle tante sfaccettature della vita. 

Pesariis viaggio nel tempo
Delio Strazzaboschi

2011

Descrizione

La pubblicazione è curata dall’Amministrazione frazionale di Pesariis (link: scheda beni civici) (Proprietà collettiva di diritto pubblico) ed è finalizzata al rafforzamento dell’identità locale attraverso la valorizzazione della propria storia e cultura e allo stesso tempo permette a chi lo desidera di approcciarsi alla storia e cultura locale.

Il Clap 100 anni
Cirillo Floreanini, Carlo Quaglia

1991

Descrizione

Questa pubblicazione nasce per festeggiare i 100 anni del rifugio F.lli De Gasperi (link scheda rifugio De Gasperi), unico rifugio alpino presente in vallata, partendo dalla sua intitolazione e costruzione. E’ l’occasione per ricordare i vari gestori che si sono avvicendati, i numerosi corsi roccia organizzati, presentare la flora e la fauna delle Dolomiti Pesarine e percorrere la storia della sezione C.A.I. di Tolmezzo proprietaria del rifugio. 

Descrizione

La pubblicazione è curata dall’Amministrazione frazionale di Pesariis (link: scheda beni civici) (Proprietà collettiva di diritto pubblico) ed è finalizzata al rafforzamento dell’identità locale attraverso la valorizzazione della propria storia e cultura e allo stesso tempo permette a chi lo desidera di approcciarsi alla storia e cultura locale.

Descrizione

Questa pubblicazione nasce per festeggiare i 100 anni del rifugio F.lli De Gasperi (link scheda rifugio De Gasperi), unico rifugio alpino presente in vallata, partendo dalla sua intitolazione e costruzione. E’ l’occasione per ricordare i vari gestori che si sono avvicendati, i numerosi corsi roccia organizzati, presentare la flora e la fauna delle Dolomiti Pesarine e percorrere la storia della sezione C.A.I. di Tolmezzo proprietaria del rifugio. 

Ai ven jù chei da Truja
Lettere a lume di candela

2012
Comune di Prato Carnico

Descrizione

Questa pubblicazione voluta dall’amministrazione comunale di Prato Carnico e curata da Carlo Tolazzi raccoglie alcune lettere di Antonio Roja (link pagina Antonio Roia). 
Don Antonio Roia, cultore di storia locale, regala uno spaccato della vita in Val Pesarina. Eventi, questioni piccole e grandi, fatti e personaggi che hanno scandito il passare dei giorni e che rappresentano la “storia” di quel piccolo mondo che i valligiani chiamano “cjanal”. Il suo archivio, conservato al Museo delle Arti Popolari di Tolmezzo, annovera circa 21 mila documenti in cui emerge un linguaggio quanto mai inusuale dato dall’alternarsi di italiano, latino e il “cjanalot” (la parlata locale).

Contas comèdias e macaróns

1998
Comune di Prato Carnico
Campanotto Editore

Descrizione

Una raccolta di racconti per il paese, per la Carnia e il carnico ma anche per aiutare Don Antonio Roia (link scheda Don Antonio Roia) a trovare un posto nella letteratura friulana. Cura e traduzione italiana di Carlo Tolazzi.

Descrizione

Questa pubblicazione voluta dall’amministrazione comunale di Prato Carnico e curata da Carlo Tolazzi raccoglie alcune lettere di Antonio Roja (link pagina Antonio Roia). 
Don Antonio Roia, cultore di storia locale, regala uno spaccato della vita in Val Pesarina. Eventi, questioni piccole e grandi, fatti e personaggi che hanno scandito il passare dei giorni e che rappresentano la “storia” di quel piccolo mondo che i valligiani chiamano “cjanal”. Il suo archivio, conservato al Museo delle Arti Popolari di Tolmezzo, annovera circa 21 mila documenti in cui emerge un linguaggio quanto mai inusuale dato dall’alternarsi di italiano, latino e il “cjanalot” (la parlata locale).

Descrizione

Una raccolta di racconti per il paese, per la Carnia e il carnico ma anche per aiutare Don Antonio Roia (link scheda Don Antonio Roia) a trovare un posto nella letteratura friulana. Cura e traduzione italiana di Carlo Tolazzi.

Le parole salvate.
Vocabolario della Val Pesarina
con un’appendice
di saggi linguistici

1997
Comune di Prato Carnico
Campanotto Editore

Descrizione

Il progresso modifica anche la lingua perché la smussa, la livella, la uniforma in una più comune ed omogenea. Ecco perché è importante la presenza dei dizionari di lingua locale. Essi sono fondamentali nell’esemplificare gli aspetti della storia, degli usi e dei mestieri popolari. La ricchezza, la varietà, l’originalità delle voci raccolte rivelano perseveranza nella tradizione, acuto spirito di osservazione, intuizione e sensibilità. L’amministrazione comunale di Prato Carnico ha appoggiato un progetto proposto e realizzato da Carlo Tolazzi dopo un’inchiesta sul campo e condotta nel 1988 e un’incursione nel poderoso archivio di Don Antonio Roia (link scheda Don Antonio Roia).

I omenons da Truia.
Storie, racconti ed aneddoti di un tempo passato,
nel borgo più alto della Val Pesarina
Gino D’Agaro

2020
Chiandetti

Descrizione

In questa pubblicazione si trovano nero su bianco tutti i ricordi che l’autore ha fino ad ora tenuto solo in testa. Memorie personali ma anche quelle tramandate dal padre e dagli anziani del paese di Truia. 
.

Descrizione

Il progresso modifica anche la lingua perché la smussa, la livella, la uniforma in una più comune ed omogenea. Ecco perché è importante la presenza dei dizionari di lingua locale. Essi sono fondamentali nell’esemplificare gli aspetti della storia, degli usi e dei mestieri popolari. La ricchezza, la varietà, l’originalità delle voci raccolte rivelano perseveranza nella tradizione, acuto spirito di osservazione, intuizione e sensibilità. L’amministrazione comunale di Prato Carnico ha appoggiato un progetto proposto e realizzato da Carlo Tolazzi dopo un’inchiesta sul campo e condotta nel 1988 e un’incursione nel poderoso archivio di Don Antonio Roia (link scheda Don Antonio Roia).

Descrizione

In questa pubblicazione si trovano nero su bianco tutti i ricordi che l’autore ha fino ad ora tenuto solo in testa. Memorie personali ma anche quelle tramandate dal padre e dagli anziani del paese di Truia. 

Memorie della nostra gente.
Autobiografie, tradizioni, leggende,
aneddoti di autori vari.

2003
Comune di Prato Carnico

Descrizione

Le opere di questa pubblicazione sono state raccolte dalle due edizioni, 2001 e 2002, del concorso letterario “Memorie della nostra gente” voluto dall’amministrazione comunale di Prato Carnico al fine di evitare che il tempo cancelli per sempre il ricordo del passato ancora vivo nella popolazione. 

Babbo Natale carnico
e altri racconti e memorie,
per non dimenticare

2022
Daniela Leita

Descrizione

Con questa pubblicazione l’autore intende rendere memoria di avvenimenti, cose, parole e persone della Val Pesarina dove ha trascorso la sua infanzia e giovinezza. Scrive anche del Babbo Natale, che, da molti anni ogni 24 dicembre, arriva in Val Pesarina a rallegrare grandi e piccini con le sue storielle (raganisse) e successiva distribuzione di sacchetti.

Descrizione

Le opere di questa pubblicazione sono state raccolte dalle due edizioni, 2001 e 2002, del concorso letterario “Memorie della nostra gente” voluto dall’amministrazione comunale di Prato Carnico al fine di evitare che il tempo cancelli per sempre il ricordo del passato ancora vivo nella popolazione. 

Descrizione

Con questa pubblicazione l’autore intende rendere memoria di avvenimenti, cose, parole e persone della Val Pesarina dove ha trascorso la sua infanzia e giovinezza. Scrive anche del Babbo Natale, che, da molti anni ogni 24 dicembre, arriva in Val Pesarina a rallegrare grandi e piccini con le sue storielle (raganisse) e successiva distribuzione di sacchetti.